Insulino-resistenza: come ®Chetogenica Bioenergetica può aiutarti

Insulino resistenza

Le “piaghe della prosperità” di oggi hanno una cosa in comune: l’insulino-resistenza.

  • Osteoartiti
  • Artriti
  • Emicranie
  • Steatosi epatica non alcolica
  • Sindrome metabolica
  • Disturbi in menopausa
  • Dislipidemia
  • Alzheimer
  • Demenza
  • Ictus
  • Malattie cardiache
  • Sarcopenia
  • Obesità infantile
  • Diabete di tipo 2
  • Sindrome dell’ovaio policistico
  • Endometriosi
  • Stanchezza cronica
  • Disturbi del sonno e sonnolenza
  • Senso di fame incontrollato
  • Perdita di capelli
  • Disturbi dell’umore
  • Disfunzione erettile
  • Alcune forme cancerogene

Tutti questi disturbi (e molti altri) hanno una cosa in comune:

A vari livelli, ciascuno è causato o aggravato dall’incapacità dell’ormone insulina di funzionare come dovrebbe, una condizione ampiamente sotto il nostro controllo chiamata Insulino-resistenza.

Se soffri o hai sofferto di uno o più di questi disturbi le probabilità sono alte, che tu sia significativamente colpito da questa condizione.

L’insulino-resistenza è alla base delle malattie croniche più diffuse al giorno d’oggi e le cose che mangiamo e beviamo sono responsabili dell’insulino-resistenza.

Nell’ultimo decennio, la ricerca scientifica ha rivelato le semplici verità su ciò che dovremmo mangiare per invertire la resistenza all’insulina. Questa ricerca ha finalmente inciso il mantra “dati, non dogmi”, dando vita a un importante superamento dei consigli nutrizionali vecchi e convenzionali.

Il metodo ®Chetogenica Bioenergetica applica questa scienza comprovata attraverso metodi nutrizionali che hanno aiutato tantissime persone a trasformare la propria salute.

Ciò avviene attraverso tre principi fondamentali:

1) controllare i carboidrati

2) privilegiare le proteine

3) saziare con grassi sani.

1. Controllare i carboidrati

Il mondo sta sprofondando nei carboidrati trasformati, raffinati e nello zucchero. Quando si mangia una quantità di carboidrati e zuccheri superiore a quella che le cellule possono gestire, il pancreas rilascia una maggiore quantità di insulina per aiutare a normalizzare i livelli di zucchero nel sangue. Con il tempo, l’aumento cronico dell’insulina porta le cellule a diventare insulino-resistenti.

La prima e più importante componente del mio metodo consiste nel ridurre l’assunzione giornaliera di carboidrati a un livello tale che aiuti a mantenere un basso livello di insulina nell’organismo. La quantità esatta varia da persona a persona. La maggior parte dei carboidrati che mangiamo, la facciamo provenire da verdure a basso contenuto di amido.

2. Dare la priorità alle proteine

Le proteine ​​sono gli elementi costitutivi essenziali del tuo corpo e, in generale, la maggior parte delle persone non mangia abbastanza proteine. Per questo motivo, “diamo loro la preferenza”.

In altre parole, le rendiamo una priorità.

Sebbene le circostanze di ognuno siano un po’ diverse, come regola generale, consiglio di mangiare almeno 1 grammo di proteine ​​al giorno per chilo di peso corporeo ideale. Tu sai qual è il tuo peso. Pensi di mangiare abbastanza proteine?

Inoltre, con l’età, abbiamo bisogno di più proteine. In particolare, le proteine ​​hanno un impatto molto inferiore sui livelli di zucchero nel sangue e di insulina rispetto ai carboidrati.

3. Saziare con grassi sani.

I grassi sani (e in particolare i grassi saturi) sono alla base della produzione di ormoni, dell’assorbimento di vitamine e nutrienti e della costruzione delle membrane cellulari.

Abbiamo bisogno di questi acidi grassi essenziali perché il nostro organismo non è in grado di produrli naturalmente. Gli acidi grassi essenziali contribuiscono anche allo sviluppo del cervello, alla coagulazione del sangue e al controllo delle infiammazioni.

I grassi naturali sani non solo ci aiutano a sentirci soddisfatti per un periodo più lungo, ma non hanno praticamente alcun impatto sui livelli di zucchero e di insulina nel sangue.

PIANIFICAZIONE DEI PASTI

Nella nostra vita frenetica, non abbiamo il tempo di pesare tutto e di inserire i dati in un’applicazione ogni volta che mangiamo qualcosa. Non è sostenibile. In ®Chetogenica Bioenergetica, invece, ti insegno una comprensione più intuitiva e di un’alimentazione intelligente dal punto di vista insulinico e come creare facilmente dei piani pasto che si adattino al tuo stile di vita.

COSA SI MANGIA E QUANDO

Per gestire i livelli di insulina nel corpo per una salute migliore, ciò che si mangia e si beve è solo una parte dell’equazione. L’altra parte riguarda il momento in cui si mangia. Limitando il tempo di alimentazione e rimanendo occasionalmente a digiuno per periodi più lunghi, si concede all’organismo una “pausa” dagli elevati livelli di insulina nel sangue, consentendo alle cellule di riacquistare la sensibilità all’insulina nel corso del tempo. Per esempio, alcune persone imparano a saltare semplicemente la colazione, aumentando il periodo di digiuno giornaliero a 16 o 18 ore. Altri si orientano verso l’idea di un pasto al giorno (OMAD) per ottenere risultati migliori. Con il mio metodo ti aiuto a determinare cosa significa tutto questo per il tuo corpo e ti aiuto a far sì che l’alimentazione a tempo limitato funzioni per te

DIVENTARE CONSAPEVOLI E INTUITIVI MODIFICANDO IL COMPORTAMENTO

  • Riconoscere le proprie scelte nutrizionali

Uno dei primi passi per trasformare la salute attraverso l’alimentazione è diventare consapevoli di ciò che si mangia e si beve. Chiedersi: “In che modo mangiare o bere questo alimento influisce sui livelli di insulina nel mio corpo?” è un ottimo modo per iniziare a riconoscere e modificare i modelli di scelte alimentari sbagliate e di spuntini senza pensieri. ®Chetogenica Bioenergetica insegna anche a migliorare l’atteggiamento e le abitudini nei confronti delle porzioni e a riconoscere onestamente le proprie scelte alimentari senza sensi di colpa o vergogna.

  • Diventare un mangiatore intuitivo

Nel corso del tempo, con l’inversione della resistenza all’insulina, i nostri clienti scoprono che le abitudini salutari che hanno stabilito diventano molto più facili da mantenere. Imparano a mangiare finché non hanno “fame”, invece di mangiare finché non sono “pieni”. Acquisiscono un senso intuitivo di cosa e quando mangiare per sentirsi bene e mantenere bassa l’insulina corporea. Spezzano le catene della dipendenza dal cibo.

  •  Adattare tutto alle singole esigenze per avere successo
Trovare ciò che va bene per te.

Non esiste un piano alimentare unico per tutti, e la consulenza sarà preziosa nell’aiutarti a pianificare e adattare. Sebbene i principi di base rimangano gli stessi, i tuoi obiettivi personali, i vostri gusti e le tue condizioni di salute influenzeranno le specifiche del tuo piano alimentare.

Per esempio, alcune persone desiderano lavorare solo dal punto di vista metabolico. Altri possono semplicemente voler migliorare i parametri di salute, ridurre i farmaci, perdere peso e sentirsi meglio. In ogni caso, la gestione dell’insulina è la base, ma fasi e modalità variano.

I PIANI SONO RIGOROSAMENTE A BASSO CONTENUTO DI CARBOIDRATI

Ma questo può significare varie cose.

Ad esempio, si può scegliere un piano:

  • Chetogenico/ Very Low Carb con meno di 25 g di carboidrati al giorno
  • Low Carb moderato con meno di 50 g di carboidrati al giorno
  • Basso contenuto di carboidrati libero con 100 g di carboidrati al giorno
  • Proteico Very Low Carb – per obiettivi relativi alla massa muscolare
  • Carnivor o Autoimmune – per situazioni più delicate, intestini molto infiammati e fenomeni allergici.

ADEGUAMENTO DEL PROGRAMMA NEL TEMPO

Spesso mi viene chiesto: “L’alimentazione chetogenica nutrizionale significa che devo smettere di mangiare certi cibi per sempre?”. 

Dipende da te. Certo è , secondo la mia esperienza, che se anche io ti chiedessi di tornare a mangiare immediatamnte come facevi prima, rinunceresti.

Perché ti sei accorto quanto stai bene, hai risolto dei problemi che andavano avanti da anni, e di certo non vuoi tornare a star male come prima!

Ma ciò non significa necessariamente che non puoi occasionalmente tornare a mangiare alcune cose che mangiavi prima. Hai fatto tanti passi avanti per invertire l’insulino-resistenza, sei diventato un mangiatore intuitivo, il tuo corpo si è liberato dal carico tossico che impediva ai mitocondri di fare il loro egregio lavoro.. adesso puoi concederti dei cibi che prima avrebbero rischiato di impattare troppo sul tuo stato di salute.

Scoprirai di poter reintrodurre alcuni alimenti con più carboidrati in modo da non compromettere il controllo dell’insulina.

Se tuttavia, vedi ridursi i risultati desiderati, potresti aver bisogno di apportare modifiche per ridurre l’assunzione di carboidrati. Il corpo risponde secondo le proprie leggi, e noi possiamo trovare un compromesso tra ciò che possiamo e ciò che è giusto fare.

Anche in questo caso, una consulenza può essere di grande aiuto.

Con il mio metodo insegno le persone a testare e valutare gli effetti che i cambiamenti dietetici stanno avendo su di loro e ad apportare modifiche misurate in base ai loro obiettivi.

MA NON SI TRATTA DI SOLO CIBO

Se l’alimentazione è certamente la base, altri fattori come il miglioramento del sonno, la riduzione dello stress e l’aumento dell’attività fisica svolgono un ruolo fondamentale nell’invertire la resistenza all’insulina.

®Chetogenica Bioenergetica è un percorso a 360 gradi, di benessere olistico, che riguarda i vari piani dell’esistenza.

Alcune persone si rivolgono a me, perché pensano di voler perdere peso, e poi scoprono che:

  • hanno voglia di lavorare su alcuni modelli comportamentali che hanno scatenato le dipendenze alimentari
  • Desiderano indagare sulle emozioni che una determinata situazione scatena
  • Vogliono imparare tecniche per migliorare il proprio controllo e la propria calma interiore
  • Vogliono esercitarsi per avere maggiore energia e forza, fisica e mentale.

Io li sostengo nei loro obiettivi, correlati alla corretta alimentazione, e li aiuto a diventare più responsabili verso se stessi per migliorare il proprio stile di vita a lungo termine, cambiando radicalmente l’approccio con il cibo ed aiutando ad eliminare le dipendenze che imprigionano in una situazione tossica sia per il corpo, che per la mente.

TI PUÒ INTERESSARE ANCHE:
Chetogenica Bioenergetica, Il mio metodo. – Dieta sana ed energia.
I 7 PASSI FONDAMENTALI PER UNA DIETA CHETOGENICA BIONERGETICA
PER SAPERE DI PIÙ SUI MIEI PROGRAMMI:
Consulenze
Maria Teresa Ficchì

Maria Teresa Ficchì

Naturopata, nutrizionista & Health Coach, fondatrice del metodo EnergyDetox. Amo prendermi cura degli altri e aiutarli a stare bene con i metodi naturali, portandoli alla versione migliore di se stessi.

Ti è piaciuto l'articolo? Condividilo!

 

Accedi SUBITO al Canale Telegram e chatta con me!

Inserisci i tuoi dati e ottieni l’accesso immediato.